Il 2 giugno scorso si è celebrato il 64. Anniversario della Fondazione della Repubblica Italiana nei giardini della Sede del Consolato Generale d'Italia di Monaco di Baviera. I numerosi ospiti, quest'anno hanno dovuto prendere posto sotto alcuni padiglioni a causa di un'insistente pioggia che, peraltro, non ha arrecato gravi disagi agli intervenuti,  a parte  qualche lieve danno alle eleganti calzature di alcune gentili signore (vedi foto 3-6). 

Alle 19.00 circa, subito dopo una breve introduzione da parte del Console Dr. Cavagnoli, che ha presentato la serata, ha preso la parola il Console Generale e Ministro Plenipotenziario Dr. A. Chiodi Cianfarani, che ha iniziato il suo discorso salutando  in tedesco le autorità e gli ospiti presenti (vedi foto: 1), a cominciare dal Rappresentante del Governo Bavarese, Segretario di Stato  per la Cultura ed Istruzione Pubblica, Dr. M. Huber  e i Parlamentari presenti. 

Il Console Generale ha indirizzato pure un saluto di benvenuto ai Sindaci di alcune città e così pure alle autorità statali e comunali presenti, tra cui il Presidente del Tribunale Amministrativo Bavarese, e alcuni Capi di Polizia statali e comunali. Altri saluti sono stati inoltre indirizzati dal Ministro ai rappresentanti delle Chiese: Ortodossa, Evangelica e Cattolica e al Direttore della Fondazione dei Luoghi della Memoria Bavaresi. Il Ministro ha dato il benvenuto anche a tutti i Colleghi del Corpo Consolare e agli altri Corpi Consolari presenti.

Continuando il suo intervento in italiano Il Console Generale ha salutato poi gli ospiti italiani, cominciando con il Presidente del Comites di Monaco di Baviera, Dr. C. Cumani e il l'intero Comitato e continuando con la Presidente della Camera di Commercio Italiana di Monaco, il Direttore dell'ENIT di Monaco, i Corrispondenti Consolari, i Presidenti delle Associazioni degli Italiani e i loro membri. Altri saluti sono stati rivolti pure ai rappresentanti degli Enti Gestori e dei Patronati, e così pure ai cittadini italiani dell'Ufficio Europeo dei Brevetti, dell’European Southern Observatory, della NETMA, della NATO School di Oberammergau ed ai ricercatori italiani in servizio presso gli  istituti di ricerca tedeschi presenti a Monaco. E a tutti i concittadini che vivono ed operano in Baviera.

Il Ministro ha continuato poi il suo intervento, rinnovando il suo augurio a tutti i cittadini italiani  per la festa del 2 giugno e citando Il Presidente Napolitano:  "Una giornata particolare, occasione per affermare in modo sempre più maturo la nostra identità nazionale, unitamente all’orgoglio per il nostro Paese.   È solo rafforzando la comune identità e l’effettiva coesione del Paese, che l’Italia può mettere a frutto le sue potenzialità e far valere – nel nuovo contesto globale – il suo contributo di nazione indipendente e pienamente partecipe del concerto delle nazioni europee".

Il Dr. Cianfarani ha parlato poi delle prossime celebrazioni del 150. anniversario della fondazione dello Stato Unitario  e dei forti legami che legano la Baviera all'Italia da sempre, in particolare della Mostra "Bayern Italien 2010" e dello sforzo intellettuale e finanziario sostenuto dal Governo Bavarese. Ha ricordato pure i centomila italiani che vivono in Baviera, "una comunità ben integrata sul piano sociale e professionale e come tale percepita dai tedeschi". Una comunità di italiani che si distinguono in molti importanti settori: dall'economia alla medicina, dalla ricerca alla cultura; ma che assiste con apprensione agli insuccessi scolastici di molti alunni italiani. Problemi che stanno a cuore, sia alle autorità bavaresi, sia agli organismi consolari e che vengono e verranno puntualmente studiati e appianati da commissioni paritetiche appositamente costituite.

Prima di concludere il discorso il Ministro ha annunciato inoltre il significato che assumerà  la prossima visita del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano; una visita che suggellerà "al massimo livello istituzionale il legame fra la Baviera e l'Italia" e che onorerà i cittadini italiani che vivono in Baviera e la sua persona in qualità di Rappresentante dello Stato in questo Land. 

Infine, dopo aver ringraziato in tedesco i numerosi ospiti presenti "trotz des Wetters", per l'attenzione dimostrata, dopo aver ricordato ancora una volta l'amicizia tra i due Paesi e aver augurato un buon proseguimento della serata, ha passato la parola al Segretario di Stato Dr. M. Huber, che, puntualmente, ha confermato i temi trattati dal Ministro. 

Nel corso della  serata tutti i convenuti  hanno avuto modo di fare la conoscenza di altri ospiti presenti o di incontrarsi  con amici, colleghi e conoscenti. E la festa, allietata da uno squisito e variegato buffet, si è protratta ancora per alcune ore a dispetto dell'insistente pioggia.

1

2

3

4

5

6

7

8

Foto 1: subito dopo la presentazione da parte del Console Dr. Cavagnoli (sullo sfondo in vestito scuro), prende la parola il Console Generale Dr. A. Chiodi Cianfarani. Foto 2: il Console Generale ascolta l'intervento del Segretario di Stato Dr. M. Huber. Foto 3, 4, 5, 6: alcuni invitati durante la festa. Foto 7:  il Segretario di Stato Dr. M. Huber,  il Ministro Plenipotenziario Dr. A. Chiodi Cianfarani e il Corrispondente Consolare di Memmingen, Comm. Tortorici nel corso della serata.  Foto 8:  il Vicepresidente delle ACLI Baviera, Cav. F. A. Grasso e il Ministro Dr. A. Chiodi Cianfarani parlano della festa.

(Dr. Fernando Grasso, Kempten, Giugno 2010)